La Roma vuole a rovinare la festa alla Juve, Lazio a pancia piena contro la Fiorentina

Anche la Roma calcistica si appresta a vivere il tempo dei bilanci di fine stagione. In casa giallorossa è come rivivere gli ultimi sei anni da incompiuta, con aspettative al massimo ad agosto, e delusioni a maggio.

Spalletti, ormai dato per certo lontano dalla capitale destinazione Inter, guida i giallorossi per altre 3 giornate senza la sicurezza della conquista del secondo posto, visto che il Napoli si è portato a un solo punto di distanza. Tra le prime 3, la Roma è quella che ha perso più incontri, 7, contro le 3 della squadra di Sarri e della capolista Juventus. Ha ritrovato un centravanti come Dzeko, ha avuto la fortuna di godersi uno dei centrocampisti più forti e in forma del momento, Radja Nainggolan, ma ha sprecato troppe occasioni facili sulla carta, come Sampdoria, Torino e Fiorentina, con cui ha perso, e Cagliari, Empoli e Atalanta contro cui ha totalizzato 3 punti. Ha inoltre perso un derby in campionato e uno in Coppa Italia che le è valso l’eliminazione in semifinale.

IL CASO TOTTI – Posto che la conquista della seconda posizione non può essere messa in discussione in queste ultime 3 gare rimaste, a tenere banco ancora una volta è Francesco Totti. E non per i consueti dissapori con l’attuale mister giallorosso, che gli ha negato l’ultima uscita della sua carriera a San Siro contro il Milan a risultato ormai ottenuto, ma proprio perché contro il Genoa all’Olimpico, ultima gara e per di più in casa, Totti saluterà il calcio giocato dopo 24 anni da professionista, 250 gol con la stessa maglia, uno scudetto, una coppa nazionale e una Scarpa d’Oro. Finisce l’epoca dell’ultima bandiera rimasta in Italia.

APPROFONDIMENTI  Roma, da città eterna a città incompiuta

L’ETERNA SFIDA – Tornando alla classifica, la Roma ha da sfatare una sorta di incubo: la Juventus, infatti, domenica sera nel posticipo contro i giallorossi, potrebbe festeggiare il suo sesto scudetto consecutivo. Per far sì che ciò non accada, la squadra di Spalletti ha solo un risultato utile, la vittoria, che i bookmakers delle scommesse sulla serie A di bet365 non considerano impossibile. Con Dzeko fuori per infortunio e Strootman per squalifica, Perotti andrà a sostituire il serbo in attacco. Malconcia anche la Juve che ha perso in una sola botta sia Marchisio che Kedira. I bianconeri hanno vinto 5 delle ultime 7 gare contro i giallorossi, e si aspetta Higuain vicino alla cifra di 25 reti in stagione, solo Sivori con la stessa maglia ci era riuscito.

CASA LAZIO – Festeggia invece la Lazio, che agguanta un posto in Europa League praticamente mai preventivato. Questo rende la stagione dei biancocelesti una delle migliori degli ultimi anni, coronando a mister capace e promettente quel Simone Inzaghi che con la stessa maglia ci ha passato mezza carriera da calciatore. Sicura almeno del quinto posto, contro la Fiorentina nell’anticipo di questa terzultima giornata di serie A la Lazio può solo che aumentare il gap con le inseguitrici. Dal’altro canto, questa è l’ultima chiamata per la squadra di Sousa in vista di un posto in Europa League. Le tante occasioni gettate al vento hanno condizionato pesantemente un cammino che, a inizio stagione, pareva più semplice. Non sarà semplice al Franchi contro una squadra che ha vinto ben 5 delle ultime 7 uscite contro i viola, pareggiando in una occasione e perdendo altrettante volte. Squadra al completo per Sousa, mentre Inzaghi non avrà a disposizione De Vrji e Milinkovic.