Roma, il sabato dei blocchi

Roma blocchi

Roma blocchi

60 anni dei Trattati di Roma, che istituirono nel 1967 la Comunità Economica Europea (Cee). Sabato la Capitale sarà un po’ il centro dell Europa, in quanto arriveranno tutti i Capi di Stato della Nazioni UE. La città si prepara, ma, tra blocchi del traffico, cortei di protesta e controlli di sicurezza, resi anche più rigidi da quanto accaduto a Londra, il rischio è quello di una vera e propria paralisi.

Le zone interessate saranno principalmente quelle del centro storico capitolino,  area che peraltro sarà off-limits, in quanto sede degli incontri tra i vari leader politici . Quindi piazza Venezia, Piazza dell’Ara Coeli, Piazza San Marco, via Petroselli fino a via delle Tre Pile e fino ai Fori Imperiali e piazza Madonna di Loreto saranno chiuse al traffico sia veicolare che pedonale. Il tutto sarà presidiato già a partire dalla giornata di venerdì. Restrizioni previste anche per i mezzi pubblici. Infatti la fermata Colosseo della metro B e le fermate Barberini e Spagna della metro A,  saranno chiuse per tutta la giornata di sabato. Saranno comunque disponibili sia quelle precedenti che quelle successive. Il capolinea della linea tramviaria 8 sarà invece spostato alla fermata sita in via Arenula/Cairoli. Quindi non solo strade e chiuse e divieti di parcheggio.

A preoccupare sono anche i cortei di protesta, dove si temono le infiltrazioni dei cosiddetti black block. Come riporta il sito della Questura di Roma, sono state autorizzate diverse manifestazioni, tra cui quello di Azione Nazionale, Nostra Europa e anche di Fratelli d’Italia. Onde evitare caos, è stato disposto il divieto di girare a volto coperto, in modo da consentire l’identificazione. I controlli verranno intensificati anche al confine e negli aeroporti di Roma, onde evitare l’infiltrazione di possibili cellule terroriste. Non si esclude la possibilità della chiusura dello spazio aereo nella Capitale. Insomma, a Roma sarà davvero un sabato di blocchi. La speranza è che fili tutto liscio.